Erbario – la Lavanda


Ho cominciato a interessarmi della lavanda perche’ un anno fa abbiamo piantato la nostra prima pianta in giardino senza la minima idea della cura che potesse necessitare questa pianta. Che poi non ha bisogno di grandi cure, pero’ ogni tanto andrebbe, per dire, potata. Cosi’ quest’estate, dopo averla vista particolarmente giu’ nei mesi di aprile e maggio, ho deciso di informarmi di piu’ sul suo conto.

Il nome comune “lavanda” con il quale siamo abituati a chiamare queste piante (ma anche quello scientifico Lavandula) è stato recepito nella lingua italiana dal gerundio latino del verbo “lavare” (lavandus, lavanda, lavandum = “che deve essere lavato”) per alludere al fatto che queste specie erano molto utilizzate nell’antichità (soprattutto nel Medioevo) per detergere il corpo.

Le specie di questo genere hanno un portamento arbustivo o subarbustivo o cespitoso-arbustivo oppure raramente erbaceo di breve durata. Queste piante sono fortemente aromatiche.



Articoli SCARICABILI GRATUITAMENTE:

Articoli recenti: