Pollice nero? Ecco perche’ non esiste

Il Pollice Nero non esiste. E di questo ne sono fermamente convinta.

E’ un simpatico modo per giustificare una scarsa capacità nel prendersi cura delle piante che non deriva dall’impossibilita’ di farlo, quanto piu’ dalla mancanza di voglia. Probabilmente se qualche anno fa avessi letto un articolo che iniziava cosi’ avrei chiuso tutto e mi sarei sentita anche un po’ offesa. Ma la me di qualche anno fa non aveva la voglia di star dietro a delle piante e cosi’ dava la scusa al pollice nero, che tutto e’ tranne che un pericolo per le piantine.

Quello che vorrei insegnarti oggi è che in realtà il pollice nero è solamente una leggenda metropolitana, perché tutti noi siamo in grado di crescere rigogliose pianticelle. Basta solo farsi un piccolo esame di coscienza e capire quali sono i nostri punti deboli. Oggi ti raccontero’ come ho fatto a trasformare il mio pollice nero in una mente verde.

La scelta delle piante.

  • Il primo consiglio è quello di scegliere piante che possano esserti utili in cucina, anche se non sei uno che ama cucinare. Avere una pianta aromatica (menta, timo, melissa ecc) in casa o sul balcone stimolerà i 5 sensiaumentando anche il desiderio di prendertene cura. Poter toccare le sue foglie per annusarne il profumo rilassante o rinfrescante ti spronerà nel vincere la pigrizia! Se poi ti piace cucinare, poter utilizzare le foglioline della tua piantina nelle ricette, costituirà un incentivo per impegnarti a dedicarle le cure necessarie!
  • Il secondo consiglio, molto pratico, è di metterti un promemoria sullo smartphone per ricordarti che -per esempio- tutti i mercoledì devi dare da bere alla tua pianta. Ti basta selezionare un orario in cui sai già di essere in piedi perché impegnato in qualche attività. Per esempio alle 20, quando stai preparando la cena. In questo modo riuscirai anche a dedicare un minuto alla tua pianticella, senza dover fare lo sforzo di alzarti dal divano!

Studia/ impara/ ascolta

Il mio primo vero step e’ stato quello di seguire delle persone su Instagram che parlassero di piante, che avessero dei contenuti attrattivi, che mi portassero a voler imparare qualcosa di nuovo.

Cosi’ nell’arco di qualche mese, senza nemmeno rendermene conto, ho imparato un sacco di nomi di piante e un passo ha portato ad un altro: il desiderio di saperne di piu’, il voglia di riuscirci anch’io.

Quando e’ cambiato realmente tutto?

Quando ho iniziato a prendermi del tempo. Il tempo per non essere sempre di corsa, il tempo per poter oziare, il tempo per poter scoprire e il tempo per imparare. E’ cambiato tutto nel momento in cui ho assaggiato il primo pomodorino coltivato con le mie mani; quando ho visto il primo avocado germogliare grazie alla tecnica che fino a qualche anno fa solo pochi sapevano. Insomma, e’ cambiato tutto quando ho iniziato a credere di non avere il pollice nero e quando ho iniziato a trattare le piante come degli esseri che hanno bisogno di qualcosa.

Inizia con delle piante semplici

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Pollice nero? ecco da che pianta iniziare.

E’ stato amore a prima vista.

Tanto diversa dai soliti canoni a cui siamo abituati, eppure cosi’ bella. E questo mi fa riflettere sui nostri canoni di bellezza stereotipata…ma forse e’ un’altra storia e un giorno dedichero’ un post solo a questo.

Oggi e’ lei la protagonista. La signorina Pilea Peperomioides. Anche conosciuta come pianta delle monete per le sue caratteristiche foglie tonde.

Ho deciso di parlarvi di questa nosta compagna di casa perche’ su IG mi hanno scritto in parecchi dicendo di avere il pollice nero, basandosi principalmente sullo stato di salute dei loro compagni cactacei. Ebbene, vi svelo un segreto! Anche a casa mia molti cactacei hanno perso la vita, ma non mi considero un pollice nero o un pollice killer per questo.

Quindi ho deciso di perseverare insieme, di cominciare da delle piante veramente facili e che possono dare grandi soddisfazioni. Era logico, quindi, che prima fra tutte vi parlassi della Pilea.

Se ne sta buona buona nel suo angolino di luce non diretta, beve poco (una volta a settimana) ma in compenso e’ una buona purificatrice di aria, quindi si potrebbe anche tenere in camera (se e’ abbastanza luminosa).

La pilea è una pianta che si riproduce con facilità. I figli crescono vicino alla pianta madre, a cui restano vicini sotto terra. In alcuni casi, si sviluppano invece attaccati al tronco centrale, dipende dalla pianta.

Per separarli, la cosa migliore è smuovere leggermente la terra e cercare il punto in cui si uniscono. Lì, vicino alla pianta madre, possiamo realizzare un taglio netto con delle cesoie da giardino o un coltello affilato.

Queste talee si radicano facilmente, direttamente nella terra se hanno già alcune radici. In caso contrario, è meglio metterle nell’acqua. Le radici cresceranno in un paio di settimane e potremo poi trapiantarle quando raggiungono buone dimensioni!

Non ti scordare si seguire il mio profilo Instagram per gli aggiornamenti quotidiani! Se hai dubbi o perplessita’, scrivimi in direct 🙂 saro’ felice di leggerti e risponderti.

Articoli correlati

Coltivazioni in vaso sul balcone

Coltivare ortaggi in vaso Quali sono le difficolta’? La difficolta’ principale in cui ci si imbatte e’ fondamentalmente una: la quantita’ di terra necessaria per poter coltivare l’ortaggio prescelto. Non tutti gli ortaggi sono coltivabili in vaso (ma moltissimi si), e non tutto puo’ essere coltivato sul to balcone di casa. Perche’? A seconda diContinua a leggere “Coltivazioni in vaso sul balcone”

Articoli recenti